Forse non lo sai, ma esiste uno strumento che ti permette di monitorare le performance del tuo eCommerce. Parliamo di Google Analytics, un tool google pensato proprio per permettere agli utenti di accedere a dati concreti sull’andamento dei propri spazi online. Se non ne avevi mai sentito parlare, sappi che imparare come utilizzare Google Analytics è davvero semplice e in questo articolo te lo dimostreremo!

Google Analytics: guida all’installazione

Prima di parlare di come usare Google Analytics per sfruttarne al meglio tutte le potenzialità, cominciamo dalle basi, ovvero l’installazione. Per prima cosa, entra sul sito Google Analytics e clicca su “crea un account” inserendo tutti i dati richiesti. Passa poi alla sezione “Impostazione delle proprietà” e digita l’URL e il nome del tuo sito. 

A questo punto dovrai inserire alcune informazioni per rendere il monitoraggio più efficace: da quale Paese ti connetti, e la categoria del tuo sito. Ti verrà quindi fornito un codice alfanumerico chiamato ID di monitoraggio, che va aggiunto alle pagine del sito che si vogliono tenere sotto controllo.

google analytics ecommerce
Come utilizzare Google Analytics nel tuo ecommerce?

Cominciare a usare Google Analytics

Veniamo a un aspetto più interessante, ovvero: settare i propri obiettivi. Questo permette di passare dall’ universal analytics, meno proficua, a un monitoraggio più performante, in cui la piattaforma controllerà in modo più approfondito determinati aspetti. Ad esempio, nel caso degli ecommerce, il numero di vendite, di leap, e tutti quei dati che, in generale, ti sono utili ad aumentare il numero di conversioni.

Ogni account google analytics può avere accesso a obiettivi predefiniti, chiamati modelli e consigliati a chi non sa da dove cominciare, personalizzati, ad esempio in base alla destinazione, alla durata, a un certo numero di pagine visitate o a un evento. O ancora, intelligenti, che permettono di valutare l’efficacia, in termini di conversioni, delle campagne digitali.

Guida a Google Analytics: conoscere i propri utenti

Conoscere le abitudini, gli interessi, l’età e altri dati relativi a chi visita il tuo sito ti aiuterà a offrire loro contenuti migliori, cioè personalizzati. Google Analytics, rispetto alla profilazione dei clienti, si rivela davvero uno strumento eccezionale, perché registra in modo specifico chi è l’utente, da dove arriva, che lingua parla e molte altre caratteristiche.

Per accedere a questi dati basta cliccare su Pubblico, e poi su Panoramica. In questa pagina si troveranno una serie di dati come il numero di utenti divisi tra ricorrenti e nuovi, il numero di pagine visualizzate e di sessioni per utente, la percentuale di utenti che abbandonano il sito dopo aver visto una sola pagina (cd. Frequenza di rimbalzo), la durata della sessione media, il sistema operativo usato e molto altro. Un elenco a sinistra della pagina fornisce poi informazioni minori come l’età, le lingue parlate, il paese e la città di provenienza e addirittura il provider di servizi. Basta poi andare su Dispositivo mobile e Panoramica per ottenere gli stessi dati da dispositivi mobili, strumento efficace per capire quanto il proprio sito sia mobile friendly.

google analytics shopify
Guida a Google Analytics per Shopify

Google Analytics: guida alle domande più frequenti

Ora che abbiamo capito come si installa e che informazioni ci da Google Analytics, vediamo quali sono i dubbi più frequenti degli utenti che si approcciano a questo strumento. 

  • Posso usare Google Analytics su qualsiasi sito? Assolutamente si, che si tratti di un ecommerce su Shopify o addirittura di un blog personale, il tool può sempre essere installato;
  • Google Analytics è gratis? Si e no. Accedere ai dati che abbiamo appena nominato è gratuito, e anche accedere alle parole chiave che attirano traffico sul tuo sito. Organizzare invece una campagna AdWords utilizzando queste parole chiave è a pagamento, anche se il prezzo parte da cifre davvero basse. Considera, tuttavia, che l’efficacia della campagna dipende anche dall’investimento.

Quali altre informazioni utili si possono trovare su Google Analytics? 

Abbiamo fatto una breve panoramica sulla profilazione dell’utenza perché è un modo rapido e relativamente semplice per prendere confidenza con questo strumento. Tuttavia, bisogna tener presente che questo tool offre molte più funzionalità, e soprattutto permette un monitoraggio – e l’organizzazione di campagne – davvero capillare.

Qualche esempio? Da quali canali arriva il nostro traffico, se ad esempio dalla pagina Facebook o dai motori di ricerca. Il numero di obiettivi raggiunti in un dato periodo. Quali sono, lo abbiamo già detto, le parole più cercate, ma anche quante visite stanno portando le parole chiave che avete inserito sul vostro sito per attirare più visite. 

Qualche considerazione finale

Forse leggendo questa guida ve ne sarete già accorti: installare e ottenere dati da Google Analytics è davvero semplice. Il difficile, piuttosto, sta nell’impostare una strategia basata su questi dati. Il consiglio è quello di investire del tempo – se non volete affidarvi a un professionista che imposti una strategia di marketing per il vostro ecommerce – per imparare a leggere i dati e metterli insieme, così da rendere davvero performante la vostra esperienza su Google Analytics.

Scarica l’Ebook Gratuito per creare un negozio online con Shopify