Forse non tutti lo sanno, ma la pubblicità su Google è uno degli strumenti di marketing a cui un ecommerce non può proprio rinunciare. Non per niente una delle battute più diffuse in rete è proprio quella sul fatto che il modo migliore di nascondere un cadavere è metterlo nella seconda pagina di Google, a sottolineare come, sui motori di ricerca, non si tenda ad andare oltre la prima pagina. Oltre le prime righe della prima pagina, a dirla tutta.

Ed ecco perché gli annunci su Google, e in generale le campagne Google Ads risultano non importanti, ma fondamentali se si vuole dare una spinta al proprio business. In questo articolo ci occuperemo proprio di come fare pubblicità su Google. A cosa serve, come funziona adwords, quanti modi ci sono, quanto costa, e molto altro ancora.

programmare google ads
Google ads: strumento essenziale per ogni ecommerce

Annunci Google: da quando sono così importanti?

Negli anni, Google ha prima affermato e poi consolidato la sua posizione fino ad ottenere, di fatto, quasi il monopolio delle ricerche. È stato infatti stimato che, nel 2019, il 92,18% delle ricerche a livello mondiale è stato fatto attraverso questa piattaforma. Ma non solo: ben il 46% delle ricerche di un prodotto inizia proprio da lì, e non quindi direttamente sugli ecommerce.

Una fetta di utenti davvero notevole, il 90% circa dei quali si ferma proprio alla prima pagina. Ed ecco perché, se si vogliono ottenere davvero dei risultati, il posizionamento diventa lo strumento più efficace. In poche parole, come abbiamo già detto nell’introduzione, più in alto si sta, meglio è. Ma non solo, perché una fetta di utenti così ampia significa anche avere accesso a una quantità incredibile di dati.

Come funziona Google Ads

Google Ads è lo strumento per avviare una campagna pubblicitaria su Google. Si tratta di un tool che fornisce ai suoi clienti non solo uno spazio, ma un vero e proprio set di funzionalità utili a raggiungere l’obiettivo desiderato, grazie a una targettizzazione davvero completa.

Gli annunci, infatti, vengono personalizzati in base a parametri come la località da cui si effettua la ricerca e una personalizzazione delle Adwords. Inoltre, gli annunci possono avere tanto una base locale quanto una portata globale. Il tutto con la possibilità di monitorare i dati analizzando così l’andamento della campagna.

pubblicità google maps
Come utilizzare al meglio la pubblicità su Google?

In particolare, sono quattro i tipi di annunci che possono essere realizzati avviando delle campagne Google Ads:

  • Annunci sponsorizzati Google: si tratta degli annunci mostrati nella parte alta della pagina dei risultati o accanto ad essi. È la forma di pubblicità più “classica”, ed è quella che deve la sua efficacia proprio al posizionamento del risultato, che compare in evidenza saltando così all’occhio dell’utente.
  • Annunci video: in questo caso la pubblicità viene veicolata attraverso Youtube associandola ai video caricati. Si sfrutta così il fattore originalità del messaggio, ma anche la sempre crescente importanza dei video come strumento di marketing.
  • Annunci Display: sono gli annunci che compaiono sui banner nei social network o in altri siti. Non si tratta dunque di una pubblicità su Google, ma dell’utilizzo dei dati forniti da Google per proporre all’utente degli annunci targettizzati.
  • Campagne app: in questo caso la campagna Google diventa una campagna personalizzata in base alle applicazioni dello smartphone dell’utente.

Parliamo di budget: quanto costa la pubblicità su Google

Uno degli aspetti più interessanti delle campagne Google, è che Adwords è incredibilmente accessibile. Potenzialmente, infatti, è possibile investire anche solo un euro. Google offre infatti la possibilità di mantenere un annuncio in una data collocazione per tutto il tempo consentito dal budget stimato, senza un prezzo o altri parametri stabiliti in partenza. Inoltre, grazie al sistema Pay per Click, è possibile pagare in base al numero di utenti che hanno effettivamente cliccato sull’inserzione, parametrando quindi la spesa all’efficacia dell’investimento (e, in potenza, anche ai ricavi).

Si tratta di una soluzione estremamente intelligente. Ipotizziamo infatti che abbiate appena aperto un ecommerce su Shopify. Siete alle prime armi e non avete nessuna idea di quale possa essere il vostro target ma, allo stesso tempo, il budget da investire nelle ricerche di marketing è limitato. Con Google Ads potrete cominciare da un investimento minimo e farvi pian piano un’idea, accumulando informazioni importanti non solo sulla vostra utenza, ma anche su cosa funziona meglio per la vostra attività. E dal momento che quando si tratta di ecommerce marketing la parola chiave è sperimentare, il fatto di poterlo fare a un costo contenuto è davvero fondamentale.

google adwords
Quanto serve la pubblicità su Google?

Ricapitolando: quanto è utile la pubblicità con Google

Come abbiamo visto, l’importanza di Google dipende essenzialmente da quel dato quasi monumentale che è la percentuale di utenti che lo utilizzano per le proprie ricerche. Questa infatti consente di fatto di avere un quadro più che obiettivo sulle abitudini di consumo delle persone, ma anche di poterle suddividere ad esempio per età, sesso, area geografica, principali siti visitati, orario e molto altro.

Le campagne Google Ads, quindi, oltre a offrire diverse possibilità per pubblicare i propri annunci, dalla più classica inserzione fino ai pop up sulle app per mobile, si rivelano un efficace strumento sotto il profilo della raccolta di informazioni preziose per strutturare in modo efficace le proprie strategie di marketing. Il tutto a un prezzo popolare, che permette anche a chi è davvero alle prime armi sotto tutti i punti di vista di far crescere il proprio business. 

Scarica l’Ebook Gratuito per creare un negozio online con Shopify