Hai un’idea, un prodotto da vendere e la motivazione per iniziare. Potresti essere tentato di buttarti e iniziare a costruire la tua attività senza prima preparare un business plan per ecommerce dettagliato. Un consiglio: non farlo.

Ogni anno migliaia di ecommerce aprono e chiudono alla velocità della luce. Il loro errore principale? Non riuscire a creare un business plan per ecommerce prima di iniziare.

Se sei seriamente intenzionato ad avviare un’attività online – o se attualmente stai gestendo un’attività senza un piano – un business plan potrebbe esserti davvero d’aiuto.

Non approntare un business plan è davvero un errore marchiano e le aziende che agiscono in questo modo hanno maggiori probabilità di fallire.

Nel preparare il business plan per un ecommerce sarai portato a pensare in modo critico su ogni aspetto importante del tuo negozio online, permettendoti di identificare ed evitare i  principali problemi già prima di iniziare.

Il tuo business plan diventerà la pietra angolare di come fare un budget, come spendere, quali prodotti vendere, come parlare del tuo business e molto altro ancora. Lo ripetiamo ancora e senza mezzi termini, le aziende senza un business plan hanno più probabilità di fallire.

Il mio negozio online ha bisogno di un business plan?

Sì. Ogni attività di ecommerce può beneficiare di un solido business plan. 

I  vantaggi derivanti dalla preparazione di un business plan sono davvero numerosi, vediamone alcuni:

  • Se hai appena iniziato: un business plan ti aiuterà a stabilire obiettivi chiari e a creare un piano d’azione per raggiungerli. ti aiuterà anche a stimare realisticamente e a preventivare i costi del nuovo business.
  • Se stai cercando finanziamenti esterni: un business plan è lo strumento standard per mostrare ai potenziali investitori perché vale la pena scommettere sulla vostra attività. La maggior parte delle opzioni di finanziamento richiede un business plan prima di andare avanti.
  • Se stai pensando di andare all-in: se state pensando di rendere la tua attività di ecommerce un lavoro a tempo pieno, un business plan può aiutarti a determinare se è un’opzione valida.

Se hai già un business plan, ottimo!

Utilizza le informazioni qui sotto per verificare di essere sulla strada giusta e, se necessario,  rivedere la tua strategia.

Se invece non ne avete ancora uno, ecco dove potete imparare tutto ciò che dovete sapere per gettare basi solide per la vostra attività di ecommerce. Ecco un esempio di business plan che abbiamo elaborato, per darti un’idea di ciò per cui state lavorando.

Di seguito è riportato un esempio di business plan di fantasia. Potrai vedere come suddivide le parti più importanti di un business – modello di business complessivo, vantaggi competitivi, linee guida per la messaggistica, target del pubblico, budget, personale chiave – in un formato altamente riassuntivo e accessibile.

Ecommerce Business Plan
Il business plan per ecommerce di Savor

Quanto dovrebbe essere lungo e completo il mio piano aziendale?

Per la maggior parte degli  ecommerce il business plan somiglierà a quelli stilati per i negozi al dettaglio o le attività come i ristoranti. Il livello di informazioni che fornite per ogni punto principale può variare, e questo va benissimo: in alcuni casi, i business plan sono libri di 100 pagine che coprono ogni possibile dettaglio o circostanza, mentre in altri casi dieci pagine sono sufficienti per far fissare le idee e stabilire un bullet point o una guida di base da seguire.

I business plan devono apparirvi gestibili, utili e creativi, quindi non trasformarli in un progetto scoraggiante se non siete costretti a farlo! Ad esempio, se stai chiedendo un prestito aziendale o cercando finanziamenti da un investitore, raccomandiamo un piano di 30-50 pagine. Se invece non sei alla ricerca di finanziamenti esterni, suggeriamo di iniziare in piccolo, con un obiettivo di pochi paragrafi per punto. È sempre possibile espandersi non appena lo si riterrà opportuno. 

Ricordate inoltre che, se non diversamente specificato, potete iniziare con qualsiasi sezione a vostro piacimento. Anche se ha senso muoversi in modo lineare, se sei più appassionato della parte di marketing della tua attività o sei un mago della contabilità e vuoi iniziare con quello che conosci meglio, fai pure! Iniziare con la parte che ti entusiasma di più ti darà la fiducia e lo slancio per completare il resto del business plan.

Modello di business plan per ecommerce

Abbiamo creato un modello di business plan per ecommerce progettato specificamente per il commercio online, per farti capire come scriverne uno per la tua attività. Nella maggior parte dei casi, il business plan per ecommerce dovrebbe contenere almeno i seguenti elementi:

Descrizione dell’azienda

Cominciate dalle basi. La descrizione della vostra azienda è una panoramica della vostra attività, che fornisce obiettivi di alto livello e scende nel particolare di ciò che fa muovere la vostra azienda. La descrizione della vostra azienda può includere:

1. Proprietà dell’azienda

La sezione del business plan relativa alla proprietà dell’azienda vi aiuterà a capire chi fa cosa e perché è qualificato per farlo.

  • Elenca i proprietari della vostra attività di ecommerce. Se l’azienda ha più proprietari, elencali separatamente. Prendi nota del livello di proprietà di ciascun proprietario e delle responsabilità che ha accettato di assumersi.
  • Elenca i fondatori della tua attività di ecommerce e cosa li ha spinti ad avviare l’attività.
  • Elenca le persone che sono responsabili della gestione della tua attività (se diverse dai proprietari).
  • Elenca le qualifiche personali e professionali, le qualità e le esperienze che rendono i tuoi operatori qualificati a gestire l’attività. Per esempio, certificazioni professionali, “50 anni di esperienza combinata”, “guida al river-rafting”, qualsiasi cosa dia credibilità! È anche una buona idea elencare le qualifiche che vorresti avere ma che non hai, e creare brevi progetti su come acquisirle.
  • Elenca il tuo modello di business – vendi direttamente ai clienti o usi un modello business to business (B2B)?

2. Prodotti

Questa è la parte divertente: descrivi quello che stai realmente vendendo! Inizia con uno sguardo di alto livello sui prodotti che vendi attualmente e su quelli che prevedi di vendere in futuro, concentrandoti sulle loro specifiche e sui loro vantaggi.

Se non hai già fatto la tua copia del modello di business plan dell’ecommerce , ti consigliamo di farlo ora.

  • Linee di prodotti principali: riassumi le tue linee di prodotti principali – quali tipi di cose vende il negozio? Non occorre elencare  tutti i prodotti del vostro  catalogo, cercate di limitarli a grandi categorie, come ad esempio “t-shirt di stampa grafica”. Sottolineate i vantaggi o i vantaggi competitivi delle vostre linee di prodotti: non vendete solo vestiti, ma anche abiti stravaganti. Potete anche aggiungere un piccolo elemento “umano” sul perché avete scelto quei prodotti e su cosa li rende così speciali. Poi entrate un po’ più nel dettaglio con le informazioni successive.
  • Differenziatori: ci sono tantissimi  abiti stravaganti là fuori, quindi cosa rende i tuoi diversi dagli altri? Forse ogni abito è fatto a mano (o di qualità artigianale) o completamente foderato, ecc.
Business plan per ecommerce
Business plan per ecommerce

3. Operazioni

Questo aspetto riguarda la logistica e le “parti in movimento” dell’attività – come porterai i prodotti dal produttore ai clienti. Non preoccuparti dei costi, li tratteremo più tardi.

  • Dove opererà l’azienda? Elenca tutte le sedi fisiche relative alle operazioni commerciali. Potrebbe essere il tuo ufficio a casa, uno spazio in affitto, una nuova sede centrale, ecc.
  • Elenca il tuo personale e il team di gestione.
  • Elenca i tuoi fornitori di prodotti, o come creerai/acquisterai ciò che stai vendendo.
  • Elenca i tuoi fornitori di imballaggi.
  • Elenca i tuoi spazi di stoccaggio.
  • Elenca i tuoi fornitori di spedizioni.
  • Elenca i fornitori di servizi di terzi (come il vostro fornitore di ecommerce, tools basati su abbonamento, ecc.).
  • Creare brevi descrizioni dei processi di adempimento, spedizione e incasso dei pagamenti.
Business plan per ecommerce
Business plan per ecommerce

4. Analisi di mercato

L’analisi di mercato vi dirà se le persone compreranno o meno quello che state vendendo.

È suddivisa in tre sezioni principali:

  1. Segmentazione del pubblico: Quali sono i principali dati demografici di chi servirai? Dove vivono, quanti anni hanno, quanti soldi guadagnano, a cosa danno valore? Mentre pensate al target di riferimento, è utile creare delle “Buyer Persona”, che sono personaggi individuali separati che rappresentano i vostri vari gruppi demografici. Se hai già venduto il tuo prodotto, discutete su chi ha fatto gli acquisti e su cosa ha acquistato.
  2. Analisi di settore: Come si presenta il mercato per il tuo settore nel suo complesso? È cresciuto o è cambiato nel corso degli anni? Prevedete che cambierà in futuro? Ci sono fattori che potrebbero influire sulla sua crescita? Quasi certamente dovrete fare delle ricerche per questa parte. Fortunatamente, i whitepaper e le ricerche sono abbondanti su quasi tutti i settori, così come gli strumenti gratuiti come Google Trends. Questa sarà probabilmente una delle parti più difficili del vostro business plan, quindi date un’occhiata agli esempi nel modello di e-commerce business plan.
  3. Analisi Competitiva: Fornisci una panoramica di chi è la principale concorrenza in senso generale (ad esempio: “ecommerce che vendono abiti con stampa di novità e singoli venditori Etsy che realizzano abiti su ordinazione”) e poi elenca alcuni concorrenti. Identifica i punti di forza e i punti deboli dei vostri concorrenti, concentrandoti in particolare su dove potete superare la concorrenza o aggiungere valore all’offerta. Potete anche fare una rapida escursione nella loro presenza online: le loro prestazioni SEO sono stellari? Hanno un enorme seguito sui social media? Stanno trascurando i loro annunci PPC? Questa sezione è importante specialmente  se messa in relazione con la sezione Strategia di marketing.

5. Strategia di marketing

Prima di lanciare il tuo negozio, è importante dedicare del tempo a riflettere sulla tua strategia di marketing. Questo riguarderà il modo in cui acquisire, convertire e fidelizzare i clienti attraverso una varietà di canali e piattaforme diverse (come la ricerca organica o gli annunci sociali), ed è una delle parti più critiche del vostro business plan. Dopo tutto, l’intera pianificazione è inutile se non riesci ad attirare clienti nel negozio.

La strategia di marketing è una parte cruciale del piano aziendale di ecommerce e dovrà contenere i seguenti punti: 

  • Strategia dei contenuti. Mentre i piani sui contenuti saranno probabilmente parte della vostra strategia SEO, noi ne facciamo un punto a parte perché i vostri contenuti possono plasmare la vostra strategia di marketing nel suo complesso. Quale “voce” o messaggistica utilizzerai nel copy? Avrei un blog, e se sì, cosa lo renderà un blog “di destinazione” nel tuo settore? Avrai una sezione “Risorse” con  consigli e suggerimenti? Progetterai una campagna di contenuti generati dagli utenti, sfruttando i social media e le storie dei clienti? Chi scriverà i tuoi contenuti e con quale frequenza?
  • SEO. La visibilità organica è fondamentale per il successo di molti negozi di ecommerce. Come sarà la vostra strategia SEO? La farete voi stessi o la affiderete a un professionista? Se la manterrete all’interno dell’azienda, quali strumenti utilizzerete e come imparerete? Come sarà la vostra strategia di parole chiave? Fornite alcune informazioni sulle tattiche che userete  per il SEO on-site (ricerca di parole chiave, metadati, contenuti, ottimizzazione di categorie e prodotti ed elementi tecnici) e per il SEO off-site.
  • PR. Come farai conoscere il tuo sito web e i tuoi prodotti? Offrirai ai blogger prodotti da recensire o scriverete dei post per gli ospiti? Intendi realizzare campagne o promozioni “newsworthy”? Elencate  in questa sezione anche alcuni blog che potrebbero essere il vostro  target ideale.
  • Ricerca a pagamento. Se hai intenzione di pubblicare annunci PPC (pay-per-click), qual è il tuo budget? Che tipo di concorrenza hai in mente? Hai intenzione di gestire anche una campagna di Shopping Feeds? E il retargeting o i banner pubblicitari? Se dedicherai risorse agli annunci a pagamento, spiega perché sono adatti alla vostra attività.
  • Social Media. Quali piattaforme sono utilizzate di più dal tuo target di riferimento? Discuti ciascuna di esse nel dettaglio, comprese le informazioni su come pensi di coinvolgere il vostro pubblico su quella piattaforma. Un esempio potrebbe essere: “Il mio target di riferimento ama condividere abbigliamento e prodotti stravaganti su Pinterest. Li incontrerò su questa piattaforma curando un certo numero di tavole rotonde che si rivolgono ai loro gusti, inserendo i miei abiti nel mix. Mi piacerà, seguirò e mi confronterò anche con gli utenti che si adattano al mio target demografico”.
  • Email Marketing. Per molti ecommerce, l’email marketing è una pietra miliare: è tempestivo quasi quanto i social media, ma gli utenti non dovranno navigare sulla vostra pagina dei social media o individuare un annuncio per ricevere le informazioni. Quanto spesso aggiornerai i tuoi nuovi clienti o i clienti che ritornano su ciò che è in serbo per i tuoi prodotti? Quale ulteriore strategia includerai per invogliarli a leggere l’email? Come incoraggerete le iscrizioni via email? Come segmenterai la lista di email marketing in modo che ogni gruppo riceva il tipo di email più rilevante per loro?
  • Promozioni. Con quale frequenza e di che tipo saranno le promozioni? Gestirai dei concorsi sui social media? Elencane uno come esempio, oppure condividi l’intero calendario promozionale. Come farai in modo che si sappia di queste promozioni?
  • Fidelizzazione dei clienti. Come incoraggerai gli acquirenti abituali? Invierai una newsletter, creerai annunci di retargeting o istituirai un programma di ricompense? Offrirai promozioni a persone che possono convincere un amico ad acquistare i vostri prodotti? Ci sono offerte esclusive per persone “in the know”? La fedeltà dei clienti può essere una componente chiave per mantenere sostenibile il tuo ecommerce – e avere un seguito fedele ti ricorderà perché state gestendo questo business in primo luogo!

6. Piano finanziario

Ah, il temuto piano finanziario. Per molti, questa è la parte più difficile del business plan e, francamente, la meno divertente. Tuttavia, è estremamente importante. Infatti, anche se non si vuole scrivere un business plan, bisogna comunque fare questa parte. Se sei alla ricerca di finanziamenti esterni, questa è la parte che dovrebbe essere più dettagliata possibile – gli investitori si preoccupano di dove vanno a finire i loro soldi e hanno bisogno di essere rassicurati di un eventuale ritorno sul loro investimento (o che non sarete inadempienti sul vostro prestito).

Pianificare le proprie finanze può fare la differenza tra un’attività di successo e il farsi cogliere completamente alla sprovvista da spese impreviste o da margini di profitto insostenibili.

Se non cerchi finanziamenti esterni, questa sezione è ancora critica e più dettagli ci mettete dentro, più ne otterrete. Pianificare le finanze può fare la differenza tra un’attività di successo e scalabile e farsi cogliere completamente alla sprovvista da spese impreviste o margini di profitto insostenibili. Il vostro piano finanziario dovrebbe prendere in esame: 

Costi operativi grezzi: il costo di ogni singolo componente della vostra attività. Non preoccupatevi di essere troppo orientati ai dettagli; se volete menzionare quel rotolo di nastro, fatelo. Menzionate anche:

  • Affitto dell’ufficio o del magazzino.
  • Tutti i costi associati all’acquisto dei prodotti, compreso il costo grezzo dei prodotti, la spedizione e quanto vi servirà in magazzino in un dato momento.
  • Stipendio dei dipendenti.
  • Tasse di web hosting.
  • Fee per l’elaborazione dei pagamenti.
  • Spese di spedizione.
  • Il costo di qualsiasi lavoro di progettazione personalizzata, servizio di marketing o qualsiasi altra cosa che si prevede di esternalizzare.
  • Attrezzatura fotografica (se si prevede di utilizzare una macchina fotografica di alta qualità per scattare foto di prodotti).
  • Programmi per computer come Adobe Creative Suite o software di editing video; se è necessario aggiornare il computer per adattarlo a questi programmi, aggiungere anche questo costo.
  • Strumenti di marketing (Hootsuite, Mailchimp, ecc.).
  • Forniture d’ufficio e spese quotidiane per il lavoro.
  • Spese di viaggio.
  • Forniture di spedizione.
  • Budget pubblicitario.

Molte persone separano questa sezione in “Spese fisse” e “Spese variabili”. Le spese fisse includono cose come l’affitto, gli stipendi dei dipendenti, le spese di hosting e altre cose che non cambieranno mensilmente. Le spese variabili includono le spese di pagamento, le spese di spedizione e altre cose che fluttuano.

Tira fuori il vecchio foglio Excel e inserisci la quantità di denaro che perderai con ogni prodotto, incluso il costo del prodotto grezzo, le spese di spedizione e l’elaborazione dei pagamenti. Presta particolare attenzione a:

Attività correnti: assicurati di avere abbastanza per coprire almeno i costi fissi, se non i costi variabili. Se gestisci la tua attività a tempo pieno, ne avrete bisogno anche per far fronte al fatto che non avrai uno stipendio per un certo periodo. Metti da parte denaro a sufficienza per coprire le tue spese (e/o quelle della tua famiglia) per un periodo che va da sei mesi a un anno.

Proiezione dei profitti e delle perdite: tira fuori il foglio Excel e inserisci la quantità di denaro che perderai con ogni prodotto (puoi fare una media di questo o inserire i singoli prodotti), incluso il costo del prodotto grezzo, la spedizione e l’elaborazione dei pagamenti. Poi aggiungete le entrate previste (supponendo che abbiate indicato i costi come numero negativo). Ora che hai il profitto atteso di ogni prodotto in senso lato, è ora di iniziare ad affidarsi alla ricerca, agli obiettivi e alle ipotesi di mercato per determinare il profitto a lungo termine. Puoi giocare con i numeri, utilizzando come punto di partenza un paio di scenari e cambiando elementi come il prezzo del prodotto o il costo di acquisizione del cliente. Dovrai anche tenere conto di variabili come le vendite, le promozioni (“spedizione gratuita su ordini di 50 dollari o più”) e la possibilità che non si riesca a vendere un particolare prodotto.

Costo di acquisizione del cliente: quanto potete permettervi di spendere per l’acquisizione di ogni cliente? Se ogni cliente spende in media 75 dollari nel vostro negozio, ma voi spendete 500 dollari per acquistarli, è il momento di ripensare la vostra strategia di acquisizione. Detto questo, molte tattiche di marketing saranno naturalmente più costose in anticipo rispetto ai profitti che realizzerete, ma nel tempo si equilibreranno quando si svilupperà una grande base di fan grazie ai vostri sforzi.

Break Even Point: usando il tuo bilancio dei profitti e delle perdite, determinate quanto dovrete vendere prima di poter andare in pareggio – e ora stiamo includendo anche i costi operativi grezzi. È un numero ragionevole? Quanto tempo pensate che ci vorrà per raggiungere questo obiettivo?

Scalabilità: Come aumenterai la scalabilità man mano che acquisirai più clienti?

Business plan per ecommerce
Business plan per ecommerce

Pietre miliari del vostro ecommerce  business plan

Ora che abbiamo finito con la sezione finanziaria, possiamo tornare alle cose divertenti: le pietre miliari! Le pietre miliari sono metriche importanti per misurare i vostri progressi e apportare modifiche se qualcosa non funziona. Sono anche estremamente motivanti e meritano di essere festeggiate al loro raggiungimento. Stabilite tutte le pietre miliari che volete, dalla prima vendita al pareggio. Considerate di aggiungere cose come:

  • Prima vendita.
  • I primi 100/500/1.000 “mi piace” sulla piattaforma social di tua scelta.
  • Prima recensione positiva.
  • Primo articolo su un blog o sulla stampa.
  • Prima vendita da traffico organico/sociale/pagato.
  • Prime 50/500/1.000 vendite.
  • In pareggio!
  • Primo dipendente a tempo pieno/a tempo parziale.
  • Trasferirsi in un ufficio più grande.

Elenca le tue pietre miliari e mettile in un posto dove puoi vederle ogni giorno. Sii creativo, creando un “tabellone di gioco” o un’altra immagine visiva e passando visibilmente davanti ad ogni pietra miliare. Tieni a mente i tuoi obiettivi più grandi, ma non avere paura di festeggiare anche i più piccoli traguardi raggiunti lungo il percorso. Questo è un lavoro duro, e meriti di riconoscere e apprezzare ogni successo.

Riassunto esecutivo

L’Executive Summary è l’ultima parte che scriverai, ma incornicia l’intero piano aziendale. Pensatelo come il “book jacket” per il vostro business, introducendo elementi chiave e condividendo la tua passione per ciò che fai. Anche se pensi di avere una buona comprensione del vostro business all’inizio, è comunque una buona pratica scrivere quest’ultima parte; probabilmente ti sembrerà più organizzato e fornirà maggiori informazioni una volta che avrete fissato il resto del vostro business plan. Ci potrebbe anche essere un punto particolarmente saliente o un beneficio particolarmente significativo che emerge nel processo di scrittura del piano, e si arriva a includerlo qui!

Più obiettivi stabilirete, migliore sarà la vostra direzione, ma tenete tutti gli obiettivi incanalati verso il singolo obiettivo delineato nella vostra dichiarazione di missione.

Considerate di aggiungere quanto segue al “Sommario Esecutivo”:

  • Dichiarazione di missione: perché esiste la tua attività di ecommerce e chi intendete servire? Come soddisfa un bisogno o migliora un aspetto della vita del tuo target? Questa è l’occasione per spiegare, in una frase o in un paragrafo, come la tua attività avrà un impatto sul mondo. Le dichiarazioni di missione guidano pesantemente il processo decisionale lungo la strada. Ad esempio, la strategia di marketing aiuta a portare avanti la vostra missione? E le vostre selezioni di prodotti? La vostra attività di ecommerce ha uno scopo e il fatto di mantenere tale scopo prioritario rafforzerà la vostra spinta, migliorerà la vostra comunicazione e vi aiuterà a superare i momenti difficili.
  • Obiettivi: Gli obiettivi sono simili a una dichiarazione di missione, ma sono un po’ meno di alto livello e più orientati agli obiettivi. Se state avviando un negozio di abbigliamento online, la missione potrebbe essere quella di “vestire le donne con abiti divertenti e a prezzi accessibili che ispirino fiducia, che abbraccino l’originalità e che permettano alle donne di tutte le taglie e di ogni provenienza di trovare una comunità di coetanei alla moda”. Uno dei tuoi obiettivi, quindi, potrebbe essere “diventare il luogo a cui la gente pensa quando cerca abiti stravaganti”, oppure “sviluppare una comunità online di donne che condividono l’amore per la moda e possono ispirare gli altri a considerare il marchio”. Più obiettivi stabilisci, migliore sarà la tua direzione, ma mantieni tutti gli obiettivi incanalati verso il singolo obiettivo delineato nella tua dichiarazione di missione.
  • I vostri prodotti: fornite maggiori informazioni su cosa, esattamente, vendete e legatelo alla vostra dichiarazione di missione e ai vostri obiettivi, quando possibile.
  • Differenziatori: come si distinguerà la tua attività di ecommerce  dalla massa? Cosa vi rende diversi come azienda? Cosa rende diversi i vostri prodotti individuali?
  • Sintesi della crescita: se hai venduto i vostri prodotti online in qualsiasi forma, questa è la tua occasione per vantarti dei risultati. Potrebbe essere qualcosa come: “Diventato il fornitore esclusivo del marchio X”, “venduto il nostro inventario in X mesi su Etsy”, o “Sviluppato una forte comunità di oltre 1.000 persone su Facebook”. Se non hai ancora creato il tuo negozio online o non hai ancora venduto online, non ti preoccupare di questa parte!

Al di fuori della dichiarazione di missione e degli obiettivi, il resto del tuo “Executive Summary” è trattato in modo più approfondito in altre parti del vostro business plan.

Business plan per ecommerce
Business plan per ecommerce

Opzionale: scrivere una richiesta di finanziamento nel business plan per ecommerce

Se stai scrivendo il business plan per ecommerce  per ricevere finanziamenti esterni, questa parte finale è dove fate la richiesta. Sii il più preciso possibile su quali sono le tue esigenze finanziarie, per cosa utilizzerai il denaro e quando lo restituirai. Includi una linea temporale, se puoi. Se cerchi investitori, stabilisci i termini dell’investimento. Infine, assicuratevi che il piano sia ben presentato e visivamente attraente. Questo include la corretta formattazione, il controllo dell’ortografia e della grammatica, incluso un frontespizio, un indice e il salvataggio in formato PDF per una corretta stampa su computer.

Completa il tuo business plan per ecommerce

Se sei arrivato fin qui, congratulazioni. Creare il tuo business plan non sarà facile – ma il successo arriva a chi è disposto a lavorarci su. Creare un business plan per ecommerce ti permetterà di identificare ed evitare problemi comuni e ti darà una fonte facile e veloce per rivedere le informazioni più importanti riguardanti ogni aspetto della tua azienda. Si tratta di un documento vivo, quindi non esitare a fare cambiamenti man mano che il tuo negozio si evolve. Oppure, se ti sentite in difficoltà, non sentirti in dovere di fare tutto da solo – ci sono esperti che possono aiutarti a pianificare il tuo business. La cosa più importante è continuare ad andare avanti e a lavorare per migliorare il tuo business. Il successo arriverà con il tempo.

Nuovo con Shopify e nel mondo Ecommerce?

Iscriviti al nostro corso su come creare e lanciare un Ecommerce con Shopify in 7 giorni. Approvato e certificato da Shopify.